17 gennaio 2016 Apicoltura

Mancano 13 milioni di colonie d’api

Futuro delle api - Apicoltura Gardin

Il futuro delle api è anche il nostro futuro.

Uno studio inglese dell’Università di Reading ha portato alla luce dei dati molto significativi e preoccupanti che riguardano il mondo delle api.
Il fatto che l’80% delle piante da frutto sia impollinato da questo operosissimo insetto, la dice lunga sulla fondamentale importanza nella catena alimentare di questo insetto, e lega strettamente il suo futuro al nostro.
Il calo della popolazione delle api è dovuto in molta parte all’inquinamento e all’impiego di pesticidi chimici che deteriorano le condizioni ambientali ottimali per la loro esistenza. Una nostra responsabilità.
A questo si aggiunge che in Europa si sono triplicate le colture che hanno bisogno proprio del lavoro delle api (tra queste anche quelle come la colza e il girasole).
Valutando le conseguenze di questi due fatti, gli scienziati hanno stimato che in Europa mancano oltre 13,4 milioni di colonie d’api per poter avere un’impollinazione adeguata. Un’insufficienza che mina i rendimenti del settore primario, che mette a rischio la produzione di frutta e verdura.
Il rischio è di arrivare a situazioni estreme come si è già arrivati in alcune regioni della Cina dove, a causa dell’altissimo livello di inquinamento, le api sono scomparse e, per poter avere dei frutti, l’impollinazione viene svolta a mano dall’uomo, fiore per fiore.
Essere apicoltori oggi assume oggi significati ancora più importanti, perché prendersi cura delle api significa anche prendersi cura del nostro futuro.

 

E-commerce Apicoltura Gardin

Condividi con i tuoi amici!